Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.

Madre solitudine

Il ventenne Narcès Morelli, ultimo rampollo di un'antica famiglia haitiana con lontane origini italiane, indaga attraverso i ricordi di un anziano domestico sul mistero della morte della madre, impiccata dieci anni prima dal regime dittatoriale
ISBN: 978-88-7910-869-0
Prezzo scontato    10,97 €
Prezzo pieno: 12,91 €
Prezzo standarizzato:
  • Pagine
    184
  • Collana
    L'altra riva
  • Anno
    1999
 

Descrizione

Nella cupa e misteriosa dimora familiare oscure storie di passioni soffocate, di deliri mistici, di suicidi e di follie vissute da varie generazioni s'intrecciano con le vicende storiche dell'isola, in un clima di terrore e repressione. Ricomponendo i frammenti di una tragedia familiare, Émile Ollivier riflette sul destino di una terra in disfacimento, per la quale non intravede nessuna possibilità di cambiamento.
Romanzo di forti tensioni, tra visione poetica e scrittura barocca, Madre solitudine esplora le radici culturali dell'isola e le sue tradizioni magico-religiose che pervadono ancora oggi ogni momento del vissuto quotidiano.

Émile Ollivier, nato a Port-au-Prince (Haiti) nel 1940, è costretto a lasciare l'isola, per motivi politici, nel 1964. Da più di vent' anni vive in Canada dove insegna sociologia all' Università di Montreal. Dopo un volume di racconti, Paysage de l' aveugle (1977), nel 1983 esordisce nel genere romanzesco con Mère Solitude che riscuoterà numerosi consensi e sarà seguito da altri tre romanzi: La discorde aux cent voix (1986), Passages (1991) e Les urnes scellées (1995). Questo è il suo primo romanzo tradotto in italiano.

Edizioni Lavoro s.r.l.

Via Salaria, 89
00198 Roma
Tel.  06 4425 1174
Fax. 06 855 2478
P. Iva 01413881002