Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.

Missione a Dzablvar

In un villaggio armeno l'azione di un militante rivoluzionario nella campagna propagandistica del regime comunista
ISBN: 88-7313-102-6
Prezzo scontato    5,10 €
Prezzo pieno: 6,00 €
Prezzo standarizzato:
  • Pagine
    96
  • Collana
    L'altra riva
  • Anno
    2004
 

Descrizione

«Dzablvar; venti case in tutto, è un villaggio schiettamente armeno». Con queste parole il compagno Phançhuni descrive, nella sua prima lettera a un fantomatico Comitato centrale, il luogo in cui dispiegherà la sua azione di infaticabile propagandista rivoluzionario. Di lettere ne seguiranno altre dieci e - in un crescendo tra il comico e il grottesco - daranno corpo alla surreale vicenda di un paese armeno sconvolto, fino all’annullamento, dall’ attività politico-missionaria del compagno Phançhuni.
Molti saranno i nemici di Phançhuni: l’anziano sacerdote Der Sahag, analfabeta, incarnazione dell’oscurantismo medievale, il capo del villaggio Res Serko, «propietario di tre campi, due mucche, un asino e due capre», rappresentante della borghesia agraria sfruttatrice. Molti anche i suoi alleati: il matto del paese Chev Avo, il monello Garo e i predoni curdi del villaggio vicino, particolarmente sensibili alle teorie sull’espropriazione.
Una lotta senza esclusione di colpi sullo scenario di un’Anatolia remota e primordiale, anno 1908. Capolavoro della satira di ogni tempo Missione a Dzablvar (1911) è per la prima volta accessibile nella traduzione italiana.

Edizioni Lavoro s.r.l.

Via Salaria, 89
00198 Roma
Tel.  06 4425 1174
Fax. 06 855 2478
P. Iva 01413881002