Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.

La nuova questione sociale

ISBN: 978.88.7910.734.0
Prezzo scontato    8,78 €
Prezzo pieno: 10,33 €
Prezzo standarizzato:
  • Pagine
    160
  • Collana
    Studi e Ricerche
  • Anno
    1997
 

Description

Gli anni Settanta avevano lasciato intravedere la possibilità di una società liberata dal bisogno e di un individuo protetto dai principali rischi dell'esistenza. Dall'inizio degli anni Ottanta si è cominciato a temere , tuttavia, che la crescita della disoccupazione, l'emergere di nuove forme di povertà e di nuovi fenomeni di emarginazione ci avrebbero riportato molto indietro. Di questo si tratta quando si parla di nuova questione sociale.

Oggi sono i princìpi su cui si basa l'organizzazione della solidarietà e la concezione stessa dei diritti sociali a venire rimessi in discussione. Eppure tutti riconoscono ormai il ruolo imprescindibile del Welfare State ai fini del mantenimento della coesione sociale.

Rosanvallon esplora in questo volume le forme che potrebbe assumere uno Stato assistenziale realmente agganciato alla realtà. L'autore auspica una rifondazione intellettuale, morale, sociale dello Stato, invitando a riformulare le definizioni di ciò che è giusto ed equo e a reintegrare le forme della solidarietà. Una ricerca saldamente collegata ad una pratica più attiva della democrazia e ad un'idea rinnovata di «nazione».

Pierre Rosanvallon docente presso l'Ecole des hautes ètudes  en sciences sociales. È anche segretario generale della Fondazione «Saint-Simon». In Italia è stato pubblicato da Marsilio, nel 1982, La crisi dello Stato assistenziale.

Edizioni Lavoro s.r.l.

Via Salaria, 89
00198 Roma
Tel.  06 4425 1174
Fax. 06 855 2478
P. Iva 01413881002